Facebook ci ascolta a nostra insaputa?

Oggi parlavo di un argomento con delle persone. Telefoni in tasca o sul tavolo in standby. Dieci minuti dopo apro Facebook e il primo post della bacheca era su quell’argomento.

La cosa “strana” è che l’argomento era a me abbastanza sconosciuto, precisamente una località di villeggiatura, che non ho mai frequentato e che non conosco granchè, di cui sono certo non aver mai scritto sui social, sui blog e nemmeno via WhatsApp o Instagram, tantomeno su Facebook.

 

L’autore del post in questione è un utente con cui non interagisco molto, a parte qualche like sporadico, tale post riportava una frase e un checkin presso la località di villeggiatura di cui sopra. Un normale post di un normale utente, ma “casualmente” in cima alla mia bacheca 10 minuti dopo la mia chiacchierata fra amici, lo ripeto, con telefoni in standby.

 

Quindi Facebook ascolta le nostre conversazioni?

 

Non è la prima volta che mi capita, spesso con argomenti di cui in genere non parlo spesso se non addirittura mai. E’ mesi che ci penso ed è mesi che soprassiedo con la classica scusante del “è una semplice coincidenza”, due coincidenze non fanno una prova e 10 coicidenze non fanno una certezza.

Ho sentito in giro di colleghi che hanno lo stesso sospetto, ho visto video di colleghi che ne parlano. Ma nessuno conferma sia vero, per ora solo voci di corridoio e strane coincidenze. Ah! Le coincidenze!

 

E voi, cosa ne pensate?

A voi è mai successo di conversare di persona con amici (fisicamente intendo) e successivamente Facebook vi propone post sull’argomento di cui parlavate faccia a faccia con gli altri? Raccontatemelo nei commenti.

 

 

Tutti i diritti riservati. Opera letteraria  protetta da certificato di deposito Patamu numero: 89910

 

E tu cosa ne pensi? Commenta qui: