Comunicazione di servizio: Da oggi mi trovate anche su Spotify

Piccolo spazio pubblicità! Vi riporto qui un breve comunicato stampa della mia redazione:

Da oggi è possibile ascoltare la versione audio del programma tv FvgTech anche su Spotify. Si aggiunge quindi questa piattaforma alla trasmissione televisiva sulla tecnologia di Gabriele Gobbo. Uno dei primi friulani con programmi di questo tipo a essere inserito nel catalogo del noto servizio audio americano, fra i più famosi nel mondo con oltre 150 milioni di utenti attivi ogni mese.

FvgTech è un programma televisivo ideato dal social media manager Gabriele Gobbo che parla, anche assieme a ospiti e interviste, del mondo della tecnologia, di digitale e di social media. Disponibile, oltre che sul digitale terrestre (CafèTV24 FVG) anche su Spotify, iTunes, Facebook, YouTube, Spreaker e tantissimi altri servizi e social network.

Per guardare le puntate (sia video che audio) e collegarsi ai vari social network e a Spotify basta visitare il sito www.fvgtech.it

IGTV, la Instagram TV: sicuri non l’abbiano rilasciata per sbaglio?

La televisione di Instagram (IGTV) è una rivoluzione, ci raccontano i giornali, per me è di sicuro una grande notizia. Un colosso come Instagram lancia una nuova app e un nuovo servizio, un colosso che ha le spalle coperte dal colosso dei colossi Facebook. Bene mi dico, sarà una killer app come non se ne vedono da un decennio.

Non mi sbagliavo sulla notizia, certamente è grossa, ma mi sbagliavo sulla app, non è una killer app… forse per ora è una flop app.
Approfondisci

Facebook vuole “essere internet” e Zuckerberg il suo dio

Il concetto è molto semplice, Facebook vuole “essere internet” e, contestualmente, Mark Zuckerberg vuole esserne il suo dio (o padrone, che dir si voglia). 

Mi spiego meglio: il social in blu non vuole semplicemente essere un sito internet, vuole “essere l’internet”, passatemi questo brutale riassunto; va da se che il “padrone” di Facebook ne voglia quindi essere il dio.

La cosa, forse, peggiore è che per moltissime persone Facebook è già internet, perché è l’unico sito/servizio che usano sulla rete, chattano via Facebook, si informano via Facebook, vendono via Facebook, fanno amicizia via Facebook, cercano lavoro via Facebook. 
Approfondisci

Gli imbarazzanti senatori americani e l’audizione di Mark Zuckerberg su Facebook

Vi spiego in due parole cosa è successo all’audizione in senato di Mark Zuckerberg, il paròn di Facebook, andato (chiamato) lì per spiegare il presunto “scandalo” dei dati.

In poche parole i senatori, dall’alto della loro grande conoscenza dell’argomento, hanno chiesto al più grande “uomo di internet” cose che nemmeno i vecchietti chiedono più ai “corsi per usare internet” delle università della terza età.
Approfondisci

Cambridge Analytica, sicuri il problema sia solo tecnico o c’è molto altro?

Tutti i giornali strombazzano un presunto furto di dati legato a Facebook e Cambridge Analytica, qualcuno si spinge fino a parlare di un data breach (personalmente ritengo non sia esattamente nessuno dei due); una cosa è certa, la questione è scottante e deve far riflettere.

Ma io ho dei quesiti che spostano la questione più al largo, nello sterminato mare dei comportamenti sociali. Per questo sostengo sia un problema più ampio della parte meramente tecnica e informatica. Ma anche più vasto delle questioni legali, degli accordi e dei contratti di utilizzo che chi usa questi dati sigla con Facebook.
Approfondisci

L’Italia sembra il triste luna park degli eventi “fare soldi con l’online”

Venghino, siori e siore, venghino! Eventi, eventi e ancora eventi, col denominatore comune di “fare soldi con l’online”, con il web, con la rete, con l’ecommerce, con i siti e con tutto quanto è vagamente digitale. Pubblicità e inserzioni spopolano su Facebook e altrove, personaggi noti e meno noti fanno capolino nelle locandine pubblicitarie virtuali, nei post, nei video e nelle inserzioni.

Ah! l’Italia! Che bel paese, a guardare tutte queste pubblicità e questi eventi sembra il paese più digitalizzato d’Europa e forse del mondo, dove basta andare ad un evento (spesso con modico ingresso a 1.000 euro) e si scoprono trucchi, segreti e fantasiose formule magiche per fare soldi con lo strepitoso “digital”.

Basta partecipare ad un mega seminario (loro dicono) con le web-star e gli youtuber e si diventa i maghi del web e del marketing. Basta una giornata di talk e meeting e si imparano tecniche e segreti che io e molti miei colleghi professionisti abbiamo dovuto studiare, provare e sperimentare per anni. Ah l’Italia, che bel paese!
Approfondisci

Vero, un nuovo social network. Ci serve?

In questi giorni non si fa altro che parlare di Vero, il “nuovo” social network che pare stia spopolando, soprattutto fra gli utenti di Instagram. La domanda sorge spontanea: ci serve un nuovo social network?

La prima cosa da sapere è che Vero esiste già da un po’ ma in questi giorni, grazie al tam-tam e alla curiosità, sta correndo verso il milione di iscritti (ed è già comparso l’avviso di difficoltà tecniche per l’alto traffico ricevuto). Numeri che certamente non faranno perdere il sonno a Mark Elliot Zuckerberg, staranno pensando in molti. Bene, io non sono d’accordo, ma non mi soffermerò sul modo in cui è finito sotto i riflettori questo nuovo social media, che per inciso si può utilizzare solo con app iOS e Android, niente sito web al momento.
Approfondisci

L’Italia e il (presunto) marketing digitale

Oggi sono in vena di verità: L’Italia è quel posto in cui la maggioranza delle “web nonsocosa agency” vende cose del tipo “…e poi ti metto le keywords nel sito così Google ti vede”. L’Italia è quel posto in cui ci sono attività che comprano il “sito chiavi in mano” da pagine gialle o di tripadvisor.

L’Italia è quel posto dove una catena di negozi all’ingrosso pubblicizza un servizio di “sito web in 7 minuti, gratis e per sempre”. Il perfetto modo per svilire la nostra professione e, in generale, di chiunque si occupi di “Digital” nella nostra nazione, e forse oltre.
Approfondisci

Perchè i nuovi smartphone non ci stupiscono più

Nuovi smartphone, iPhone, Galaxy e qualsiasi altro modello… Difficile ormai creare l’effetto Wow, le persone si aspettano cose tipo schermo arrotolabile o schermo a proiezione olografica… ma a 300 euro tutto incluso.

Senza rendersi conto che ad ogni modello di qualsiasi telefono di fascia alta in realtà ci mettono dentro novità e innovazioni pazzesche… ma ci hanno abituato in passato a cose clamorose (più che altro per fare scena coi gioranlisti).
Approfondisci

Posto fisso (ricerca del) e social media cose

Vi dirò una grande verità, magari scomoda. Un pensiero ovviamente soggettivo.

Non solo le piccole, ma pure le medie e grandi aziende non internalizzano (quasi) mai il marketing, figuriamoci le social media cose. E vi svelerò gratis un segreto, spesso nemmeno le agenzie. Se vi siete formati in marketing digitale (o qualsiasi altro modo vogliamo chiamare queste cose) e cercate il posto fisso, avete sprecato tempo.
Approfondisci